logo
logo
 
top

cut
  HOME |Galleria fotografica|Immagini video|Download materiale|LINK utili|CONTATTI
     
    Il progetto
    Le specie
    L'ambiente
    Nidi e mangiatoie
    I proponenti
     

cb

minacce

difendere

CONNESSIONI

Notizie e aggiornamenti

Nuovo progetto Lipu con il Parco dei Mulini

10 novembre 2016

Si chiama "Rinascimento Fluviale" (copiando la "mission" istituzionale del Parco dei Mulini) il nuovo progetto avviato da Lipu con il contributo del Parco dei Mulini: una raccolta sistematica di osservazioni sugli uccelli e sugli altri animali che popolano il Parco, che permetterà di documentare il progressivo miglioramento delle condizioni ambientali che sta investendo il corso del fiume Olona, anche grazie agli interventi voluti dal Parco.

Il progetto è stato approvato dal Comune capofila di Parabiago nel mese di luglio, ma già a partire da marzo i volontari Lipu erano al lavoro. Dopo avere assistito alla migrazione primaverile, alla stagione riproduttiva e alla migrazione autunnale, si comincia a tirare le somme: l'inventario degli uccelli che popolano il Parco è già passato da 75 specie a 89, senza contare quelle domestiche o introdotte. L'operazione "Rinascimento Fluviale" proseguirà per tre anni, durante i quali i risultati conseguiti verranno presentati sulle pagine di questo sito.

Vai alla descrizione del progetto

 

Eurobirdwatch 2016
locandina Eurobirdwatch 2016

25 settembre 2016

Sabato 1 e domenica 2 ottobre sono le date dell'EUROBIRDWATCH, le due giornate dedicate al birdwatching dalla Lipu e dagli altri partner europei di Birdlife: l'evento locale di Lipu Parabiago si svolgerà sabato mattina nel Parco dei Mulini, lungo il fiume Olona.

Visiteremo due delle aree nelle quali abbiamo avviato, in collaborazione con il Parco, un'attività di monitoraggio dell'avifauna che si protrarrà per tre anni e che ha già iniziato a fornire risultati interessanti. Una delle mete sarà la Foppa di San Vittore Olona, un'area umida ripristinata dove quest'anno ha sostato anche un gruppo di Cavalieri d'Italia.

Ritrovo alle 8:30 nel parcheggio del Castello di Legnano in Viale Toselli. Fra una tappa e l'altra, sono previsti brevi spostamenti in auto su strade urbane.

Scarica la locandina (PDF, 2MB)

 

Ricomincia dal Parco Castello la manutenzione invernale dei nidi
ispezione

8 novembre 2015

L'inverno si avvicina ed è ora di riprendere il lavoro sui nidi artificiali: pulizia, raccolta dati, nuove installazioni.

I volontari della Sezione Lipu di Parabiago si sono trovati stamattina al Parco Castello di Legnano per la pulizia dei nidi. Sono state ispezionate 13 delle 23 cassette presenti. 12 contenevano nidi di Cinciallegra o di Cinciarella (ma c'è il sospetto che in uno di essi abbia nidificato un'altra specie, forse un Codirosso), mentre uno è stato occupato da mammiferi, probabilmente Ghiri.

Tutte le cassette dopo l'ispezione sono state ripulite, disinfestate dai parassiti e appese di nuovo al loro posto pronte per essere utilizzate di nuovo dagli uccelli quando tornerà la primavera.

La giornata di bel tempo ha consentito ai frequentatori del parco di assistere alle operazioni. Al Parco Castello sono previsti altri due interventi durante l'inverno: uno per concludere le ispezioni e un altro per collocare nuovi nidi. Le date non sono ancora state fissate, ma probabilmente si svolgeranno ancora di domenica mattina.

 

Installati due nuovi nidi artificiali al Parco Castello
nido artificiale

13 marzo 2015

Sono stati collocati nel Parco Castello di Legnano due nuovi nidi artificiali, a cui abbiamo assegnato i numeri 76 e 77.

Come la maggior parte dei nidi artificiali installati nell'area del Parco Castello, sono state utilizzate cassette nido commerciali in conglomerato di cemento, argilla e segatura modello Schwegler 2M con foro di accesso da 32 millimetri, appese in questo caso ai rami di due Pini silvestri.

I nuovi nidi artificiali vanno a sostituire quelli recanti i numeri 54 e 60, scomparsi in seguito all'abbattimento, avvenuto lo scorso inverno, delle piante a cui erano fissati.

 

Installato il nido artificiale per la Civetta
nido artificiale per Civetta

12 aprile 2014

La stagione non è quella più indicata per questi lavori, ma abbiamo avuto l'occasione di poter utilizzare una piattaforma idraulica, e non ce la siamo lasciata sfuggire!.

Il nido artificiale per la Civetta era abbastanza impegnativo da installare: è un "tubo" di legno a sezione quadrata lungo un metro, e va appeso in posizione orizzontale. Ad un'estremità del tubo, due pareti parallele con dei fori circolari sfalsati fra loro consentono alla Civetta di entrare, l'altra estremità è chiusa e all'interno è steso uno strato di sabbia. All'esterno, un rivestimento impermeabile protegge il legno dall'umidità.

Non certo una cosina facile da maneggiare stando in cima ad una scala...

Il nido è stato appeso ad un vecchio gelso dotato di un ramo adatto per conformazione ed altezza (circa 6 metri) a sostenere il nido. L'albero si trova al margine di un bosco a pochi metri dall'Olona, in una zona tranquilla perchè recintata.

 

   
testi e realizzazione web: Marco Tessaro